In Balia del : FOOD SHARING

IL “SELFIE FOOD” RENDE IL CIBO UN RITO DA CONDIVIDERE

Durante il momento conviviale Il food italiano è un valore aggiunto,viene fotografato e postato tanto da dare vita a decine di hashtag a tema, tra gli altri: #italianfood, #italianfoodlover, #italianfoodstyle.

Che sia un piatto preparato da uno chef oppure casalingo l’originalità delle associazioni di sapori e la presentazione dei piatti stessi è molto importante… e nel 90% dei casi finisce sui social.

Anche per questo cresce sempre più l’attenzione verso il lato estetico dei piatti.

Attraverso lo scatto dobbiamo riuscire a far emergere sapori,profumi ed ingredienti ma questa non è un’abitudine solo del nostro tempo,

l’arte figurativa e culinaria ha origini molto antiche…

Dai graffiti ai dipinti fino alle foto..

RITA ALIFANO

#chefconitacchiaspillo

#chefconitacchiaspillo è un format Prêt-à-porter rivolto agli appassionati di cucina e non, che amano il buon cibo ma hanno poco tempo per cucinare…

Ci sono Chef stellati e poi c’è #chefconitacchiaspillo che nasce dalle spaghettate notturne improvvisate a casa di amici,preferite di gran lunga al pezzo di rosticceria a fine serata.

Mix creativi con i nostri prodotti locali a Km 0 insieme a cibi di tendenza etno-chic !

Ingredienti ordinari per menù straordinari!

La tavola è simbolo di convivialità e luogo in cui s’intrecciano relazioni e per questo non mancheranno nei prossimi articoli pillole di galateo, curiosità ed aneddoti perché si sa….la tavola non mente!!!

FINGER FOOD DI SALMONE AGLI AGRUMI IN CREMA DI AVOCADO

PER 4
INGREDIENTI:
2 FETTE DI SALMONE AFFUMICATO/SALMONE FRESCO ABBATTUTO
2 AVOCADI
1 LIME
1 CONFEZIONE DI PHILADELPHIA
4 CIUFFI DI ANETO SALE E PEPE QB

BICCHIERINI TRASPARENTI

TAGLIATE A META’ GLI AVOCADI, SBUCCIATELI E PRIVATELI DEL NOCCIOLO.

SUCCESSIVAMENTE FATELI A TOCCHETTI E VERSATELI NEL MIXER AGGIUNGENDO LA
PHILADELPHIA, IL SUCCO DEL LIME, SALE PEPE.

FRULLATE FINO AD OTTENERE UNA
CREMA OMOGENEA.

TAGLIATE IL SALMONE A STRACCETTI SOTTILI.
RIEMPITE I BICCHIERINI DI FINGER FOOD CON LA CREMA DI AVOCADO E DISPONETE
GLI STRACCETTI DI SALMONE SOPRA, DECORATE CON I CIUFFETTI DI ANETO

(POTETE AGGIUNGERE ALLA DECORAZIONE DEI PICCOLISSIMI PEZZETTINI DI ARANCIA)

Tortini di zucca, porri, cannella e gorgonzola.

Zucca, porri e cannella ,Un connubio sfizioso e particolare, reso aromatico da qualche fogliolina di menta
fresca, preparato sotto forma di piccoli cupcake decorati con un frosting di formaggio fresco e purea
di zucca.

Cotti al formo e ovviamente è possibile prepararli anche in teglia oltre che in monoporzione.

La Zucca e i porri vengono stufati in padella con pochissimo olio e la cottura in forno lascia intatta la leggerezza
del piatto.

Si possono preparare in anticipo e poi riscaldare e, se fatti nel pirottini in silicone per mini muffins, sono perfetti anche come aperitivo, magari anche per la cena di Natale o Capodanno, pensateci!l

Ingredienti per 8 tortini:
500 grammi di zucca rossa
2 cipollotti
cannella quanto basta
sale e pepe quanto basta
100 grammi di gorgonzola piccante
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
2 cucchiai di pane grattugiato raffermo
4 cucchiai di panna liquida o di latte intero
30 grammi di pecorino stagionato Dop grattugiato
100 grammi di formaggio fresco spalmabile
menta fresca quanto basta

Sbucciate la zucca, lavatela e tagliatela a dadini piccoli.

Affettate sottilmente il porro e il cipollotto e metteteli in una padella con un pò d’olio.

Fateli appassire a fuoco basso e unite la zucca: alzate il fuoco e rosolate aggiungendo, se necessario, poca acqua calda, sale, pepe ed un pizzico di cannella.

Lasciate cuocere per 7-8 minuti e, a fuoco spento, unite la menta tritata.

Preriscaldate il forno a 200 gradi ventilato.

Sbattete in una ciotola le uova con il pecorino, la panna o il latte e il pane grattugiato.

Regolate di sale e aggiungete il gorgonzola tagliato a dadini.

Unite adesso al composto di uova tre quarti della zucca cotta in padella e il gorgonzola tagliato a dadini e mescolate bene.

Versate il composto in pirottini di silicone per muffin ed infornate per 15 minuti.
Nel frattempo, frullate la zucca rimasta e amalgamatela al formaggio spalmabile.

Ed infine potrete servire i tortini guarniti con un cucchiaino di crema di zucca e formaggio, una foglia di menta e, se è di vostro gradimento, un pizzico di cannella.

L’ABBINAMENTO: Il sapore dolciastro della zucca in questa ricetta va valorizzato da un vino
non invadente, Abbiamo scelto la delicatezza di un Grechetto dell’Umbria Igt. prodotto dalla. E un
bianco dai profumi molto fini, dal corpo lieve con dei sentori di frutta bianca.

Pinguini stuzzichini decorativi

Pinguini di mozzarella, antipasto scenografico!

per ogni pinguino occorre 1 stuzzicadenti


1 ciliegina di mozzarella
2 olive nere snocciolate
1 rondella di carota
1 strisciolina di salmone affumicato.

PREPARAZIONE
Prendete un oliva inseritela nello stuzzicadenti fino a coprirne la punta, questa sarà la testa del pinguino, per il corpo utilizzate l’altra oliva e tagliatela per 3/4 (attenzione a non tagliarla del tutto ) e inseritegli la ciliegina di mozzarella.

Prendete lo stuzzicadenti con la testa del pinguino e infilatelo nel “corpo” del pinguino nel punto superiore,in corrispondenza del foro di snocciolatura nella parte in cui l’oliva l’avete lasciata intera.

Per realizzare i piedi utilizzate la rondella di carota che farà da base, tagliate un piccolo spicchio che sarà lo spazio divisorio dei piedini e posizionatelo centralmente infilando con lo stuzzicadenti, lo spicchio di carota che avevate precedentemente tagliato utilizzatelo invece per fare il becco del pinguino
la strisciolina di salmone potete avvolgerla attorno al collo del pinguino .

Timballetti di anelletti al nero di seppia

Per 4 persone occorrono 400 g di anelletti,

350 grammi di sugo,

1 kg di seppie

1 Cipolla

1/3 di bicchiere di vino bianco,

olio quanto basta sale peperoncino

estratto di pomodoro

Anelletti al nero di seppia.

Pulite le seppie e tenete da parte le sacche nere,

E successivamente tagliatele a pezzettini molto piccoli.

Fate imbiondire una piccola cipolla tritata in olio a fuoco basso

Aggiungete quindi i pezzettini di seppia e lasciate cuocere almeno 5 minuti finché non si restringono un po’.

Sfumate con vino bianco

Versate i 350 grammi di sugo ed aggiungete un cucchiaio di estratto di pomodoro.

Lasciate cuocere per almeno 15 minuti .

Pochi minuti prima della fine della cottura aprite le sacche nere e versatele all’interno del condimento.

Mescolate bene e fate cuocere per altri 2-3 minuti.

Adesso il sugo è pronto .

Lessate 400 grammi di anelletti in acqua leggermente salata e scolateli molto al dente, unite gli anelletti al sugo col nero di seppia ed un po’ di prezzemolo fresco tritato.

Amalgamate bene e riempite gli stampini, cospargendoli prima con il pangrattato.

Infornateli per circa 10-15 minuti.

Timballo di riso e quinoa salmone e latte di cocco, curry e lime

Un primo piatto completo, facile e gustoso, un connubio perfetto tra salmone latte di cocco ed il lime che
aggiunge la giusta acidità.
Un timballo dal gusto vagamente esotico, grazie al latte di cocco e il profumo di lime.
Poi ammettiamolo, non c’è nulla di male nell’utilizzare prodotti che preservino la qualità degli
ingredienti di base, ma che ci vengano in aiuto nei tempi di preparazione.
Una miscela esclusiva che unisce la bontà del riso al gusto inconfondibile e ai benefici della quinoa rossa.

Ingredienti X 4
200 g Salmone filetto fresco
400 g Riso Mix Riso e Quinoa
200 ml Latte di cocco liquido ,40 ml Lime succo
20 g Pane grattugiato
20 ml Olio di semi
10 g Burro per imburrare i tegamini
3g Curry madras in polvere

2 rametti Aneto fresco

Per preparare la ricetta del timballo di riso salmone e latte di cocco, in una padella
anti aderente fate cuocere 400 g di riso e quinoa, con un cucchiaio di olio di semi, per
circa 2 minuti al massimo.
Tagliate delle striscioline di salmone dal filetto e tritate al coltello come per preparare una
tartare.
Imburrate due piccole cocotte o due mini tegami da 12,5 Cm di diametro per 4 cm di
altezza, e spolverizzate con il pan grattato.

A parte preparate il condimento unendo il latte di cocco, il curry piccante in polvere, il
succo di lime e un pizzico abbondante di sale, infine un rametto di aneto tritato
finemente, mescolate bene in modo da avere un intingolo omogeneo.
Mettete nei tegamini uno stato di riso e quinoa, qualche pezzetto di salmone, coprite con
uno stato di riso, ancora salmone e coprite con l’ultimo strato di riso.

Versate l’intingolo nei tegamini, spolverizzate con del pan grattato e infornate a 200°
per 15′, Infine lasciate sotto il grill per circa 5 minuti.

Sfornate e gustate.

Polpo al profumo di erbette su purè di patate

Polpo al profumo di erbette arrostito su purè di patate con pinoli tostati pomodorini secchi capperi guarniti con glassa di aceto balsamico.

4 persone

800 g rdi polpo,

5 patate medie,

latte 150 gr

30 grdi burro,

parmigiano grattugiato 30 gr

noce moscata qb,

erbette aromatiche miste (rosmarino menta prezzemolo timo )

un limone

olio qb per la marinatura del polpo

capperi qb per la guarnizione

Idem pomodorini secchi tagliati a piccoli pezzettini

pinoli q b.

Fate bollire il polpo per 20 minuti in acqua leggermente salata una volta cotto privatelo della testa e tagliate i tentacoli.

Mettete i tentacoli a marinare nella salsa precedentemente fatta con olio quanto basta per immergere il polpo con il trito di erbette per circa 30 minuti, nel frattempo preparate un classico puré di patate cercando di farlo il più denso possibile, una volta pronto riempite delle piccole ciotole a metà e mettetele in frigo per almeno mezz’ora.

Trascorso il tempo della marinatura del polpo procedete con la cottura: riscaldate una piastra sulla quale andrete ad arrostire il polpo e cospargetelo di tanto in tanto con il sugo della marinatura una volta che il polpo risulta essere arrostito tagliatelo a piccoli pezzettini facendo attenzione a mantenere intera la parte arricciata finale del tentacolo.

Procedete infine con l’impiattamento: prendete le ciotoline dove avete versato precedentemente il purè di patate adagiatevi sopra i pezzettini di polpo arrostito e qualche tentacolo intero.

Aggiungete dei pinoli tostati, guarnite con i capperi ed i pomodorini secchi tagliati a piccoli pezzettini infine decorate con un po’ di glassa di aceto balsamico.

Filetto di Triglia su insalata di avocado e lenticchie

Un piatto chic ma facilissimo.

Piatto di pesce, completo dal punto di vista nutrizionale.

Per l’insalata di lenticchie e avocado, e filetti di triglia la preparazione avviene in due tempi.

preparate le lenticchie anche un giorno prima ed all’ultimo momento unite l’avocado a pezzetti e grigliate la triglia sulla pelle, in modo che diventi croccante e sia ben calda.

Cinque minuti in tutto ed il vostro piatto è pronto.

Volendo, se non siete troppo legati al tradizionale abbinamento di Capodanno cotechino e lenticchie che si serve a fine Cenone (quando tutti sono ormai troppo sazi per assaggiare), potreste ribaltare la successione dei piatti e servirlo tra gli antipasti in una cena di pesce.

Ingredienti per4 persone:
2 triglie di scoglio
200 grammi di lentiechie
un pezzetto di carota
un pezzetto di sedano
un pezzetto di cipolla
un avocado
olio extravergine di oliva: quanto basta
un foglia di salvia
poco rosmarino fresco
sale e pepe: quanto basta

Pelate la carota, pulite il sedano dai fili e sbucciate la cipolla.

Tagliate tutte le verdure a cubetti (più sono piccoli meglio è) e mettetele in una pentola insieme al rosmarino e alla
salvia.

Lavate bene le lenticchie sotto l’acqua corrente e unitele alle verdure.

Coprite con acqua e cuocete per 40 minuti o finché le lenticchie non sono tenere ma non sfatte.

A dieci minuti dal termine della cottura, salate i legumi.

Scolate le lenticchie e conditele con olio extravergine di oliva e pepe nero macinato fresco, aggiustando eventualmente di sale.

Lasciate raffreddare a temperatura ambiente.
Pulite l’avocado eliminando la buccia e il seme all’interno, irroratelo con un po’ di succo di
limone e tagliatelo a pezzetti.

Mescolate l’avocado alle lenticchie aggiungendo ancora un filo d’olio extravergine, se necessario.

Scaldate bene un tegame in pietra, versate un filo di olio e adagiate i filetti di triglia sul lato della pelle.

Cuocere per 2 minuti a fuoco alto, in modo che la pelle diventi croccante e la carne cuocia, ma non troppo.

Composizione del piatto: con l’aiuto di un coppa pasta mettere al centro di ogni piatto
l’insalata di lenticchie e avocado, adagiare sopra ogni porzione un filetto di triglia, salare
con poco sale Maldon o Fior di sale, condire con un filo di olio extravergine e pepe nero macinato fresco.

Servire immediatamente. Buon appetito!

Flan di cavolo viola e pistacchi

Ingredienti

un cavolo medio cappuccio viola, 260 gr. di panna liquida ,

40 gr di pecorino romano o in alternativa mixate del parmigiano con un po’ di ricotta.

un Porro,

4 albumi,

pistacchi tagliati grossolanamente

olio evo,

pepe e sale qb.

Prendete 4 grossi cucchiai di panna e uniteli a dello zafferano in pistilli,

fate scaldare il composto per 4 minuti, servirà per la decorazione.
Tagliate il porro a rondelle sottili ponetelo in un tegame con un goccio d’ acqua e lasciatelo stufare,

Non appena pronto aggiungete dell’olio Evo e fate soffriggere a fuoco basso.

Dopo averlo lavato, tagliate a striscioline sottili il cavolo cappuccio.

Unitelo al soffritto di porro e fatelo appassire aggiungendo di tanto in tanto dell’acqua bollente per evitare che si attacchi al fondo della padella.

Aggiustate di sale e pepe.

Una volta cotto e ammorbidito ponete il cavolo in un mixer da cucina.

Frullatelo fino ad ottenere una crema.
Aggiungete il pecorino grattugiato, e frullate nuovamente.

Trasferite il composto in una ciotola, unitevi la panna e gli albumi leggermente montati.

Mescolate bene.
Imburrate le pareti di sei stampini da muffins.

Possono essere utilizzati anche quelli usa e getta in alluminio.

Per sformarli più facilmente, io ho usato quelli in silicone ed è bastato ungerli con dell’olio.
Preriscaldate il forno statico a 180°-
Versate il composto negli stampini.

Riempite con dell’acqua fino a metà una teglia da forno con i bordi alti almeno 2,5 cm.

Poneteci i vostri flan e assicuratevi che non galleggino ( in quel caso eliminate un po’ dell’acqua).
Ponete in forno per 45 minuti.
Sfornateli, lasciateli raffreddare.

Quando si saranno intiepiditi potete sformarli delicatamente.
Infine decorate con pistacchi tritati grossolanamente e la panna allo zafferano.

Dessert

TORTINO AL CIOCCOLATO AL PROFUMO DI ARANCIA E CANNELLA

Una golosa delizia al cioccolato perfetta come fine pasto per concludere al meglio una cena anche
improvvisata con gli amici.

I tortini infatti si preparano in pochi minuti e possono essere congelati per poi informarli al bisogno.

Potete decidere di utilizzare del cioccolato più o meno fondente a seconde dei vostri gusti.

INGREDIENTI PER 4 TORTINI
4 arance di media grandezza
120 gr. di cioccolato fondente
80 gr. di zucchero semolato
20 gr di farina 00
PER LA DECORAZIONE
4 anice stellato,

4 piccoli stecchetti di cannella,

zucchero a velo e cannella in polvere

Utilizzate le arance al posto dello stampino di alluminio, quindi procedete a tagliare la parte superiore e svuotatele della polpa.

Per preparare il tortino al cioccolato dal cuore morbido tagliate il cioccolato in piccoli pezzi e fatelo sciogliere a bagnomaria.

Quando avrà cominciato a fondersi unite il burro.

Togliete il tegame dal fuoco e unite lo zucchero.

Versate anche le uova dopo averle sbattute con una forchetta.

Aggiungete la farina setacciata e amalgamate.

Una volta pronto l’impasto riempite per poco più
delle metà le arance precedentemente preparate.

Cuocete in formo preriscaldato a 180 per circa 11-12 min.

Appena si è creata una leggera crosticina inserite uno stuzzicadenti, se estraendolo risulta intriso dell’impasto vorra dire che il cuore è morbido!.

Una volta cotti togliete subito i tortini al cioccolato e serviteli.

Nel caso sia la prima volta , vi consiglio di provare a sfornare il primo dopo circa 10 min in modo da potervi regolare per quelli successivi in base ai tempi del vostro forno.
Decorate a vostro piacimento il top del tortino con una spolverata di cannella, uno stecchetto di cannella , anice stellato ed una spolverata di zucchero a velo!!

Se proprio volete esagerare accompagnate il piatto con una pallina di gelato alla vaniglia!

Cream Caramel NATALIZIO

500 ml di latte intero
2 Tuorli
110 gr di zucchero semolato
1 bacca di vaniglia

PER IL CARAMELLO
150 gr di zucchero semolato
2 cucchiai di acqua
1 cucchiaino di succo di limone filtrato

Versate il latte in una casseruola insieme alla bacca di vaniglia incisa nel senso della lunghezza.

Portate al limite dell’ebollizione e spegnete.

Lasciate in infusione per 15 minuti.
Nel frattempo preparate il caramello:

in un pentolino versate lo zucchero semolato, l’acqua e il succo di limone.

Fate cuocere a fuoco medio, senza mai mescolare, ma avendo cura di muovere la casseruola fino a quando si sarà formato un caramello ambrato.

Versate immediatamente sul fondo dello stampo prescelto oppure di 6-8 stampini monoporzione

Preriscaldate il formo a 140°.

In una ciotola lavorate le uova ed i tuorli con una frusta prima da soli e poi insieme allo zucchero semolato cercando di incorporare meno aria possibile

(il composto non dovrà risultare montato).

Versate il latte tiepido a filo sulle uova filtrandolo con un colino a maglie fitte e mescolando di continuo.

aiutandovi con un mestolo, versate il composto nello stampo facendolo passare di nuovo da un colino a maglie fitte per rimuovere eventuale schiuma superficiale che si potrebbe essere formata.

Ponete quindi lo stampo all’interno di una taglia profonda riempita d’acqua fredda , frapponendo tra lo stampo e la base della teglia un panno in modo da evitare che i due siano a diretto contatto.

Cuocete nel forno per circa un ora e mezza, un ora e quaranta, compatibilmente con le dimensioni dello stampo prescelto,controllando spesso che l’acqua non raggiunga mail il bollore.

Se così fosse, abbassate leggermente la temperatura del forno ed aggiungete poca acqua fredda al bagno maria .

Il dolce sarà pronto quando la crema si sarà rappresa pur risultando ancora morbida.

Sfornate il cream caramel e fatelo raffreddare all’interno della teglia fino a quando sarà giunto a temperatura ambiente.

Trasferite in frigorifero a fate riposare per un paio di ore.

Per sformarlo passate la lama di un coltello affilato lungo i bordi dello stampo,quindi appoggiate sopra un piatto e capovolgetelo con un movimento deciso.

Se il dolce non dovesse scendere subito picchiettate delicatamente il fondo dello stampo, lasciando che il cream caramel si stacchi da solo.

Procedete con la decorazione che preferite.

ANITA SORANO ;

Idee per decorare la tavola: Il mio consiglio è quello di utilizzare gli ingredienti e le spezie utilizzate nella preparazione delle pietanze, mixate con dettagli eleganti come delle lanterne e delle candele che richiamino i profumi del natale per rendere l’ambiente davvero unico ed accogliente.

In questo caso trattandosi di un tavolo da Buffet l’ideale è realizzare piccole decorazioni da posizionare in vari spazi del tavolo, tra i vassoi da portata.

a seguire qualche idea facile da realizzare e d’effetto :

e per il resto della casa qualche idea delicata e facile da realizzare :

Idee regalo per qualunque invito a cena….

shop online camellia

LINK PLAYLIST VIDEO CAMELLIA

ps: Se vi fa piacere potete inviare le foto delle vostre ricette e saremo felici di pubblicarle sul nostro blog.(collectionsmadeinitaly@gmail.com)

Ma se non avete voglia di cucinare allora vi consiglio di partecipare a questa serie di eventi : DA CUMA NATURAL FOOD

Cene a tema a buffet e degustazioni di cibi sani, genuini e siciliani: Cuma organizza il “Good Food Fest“, in programma dall’11 dicembre al 3 gennaio.

Durante la manifestazione ogni sera potrete gustare pietanze diverse (leggi il programma completo): si va dalla Festa delle Uova Bio alle degustazioni di piatti realizzati con prodotti Almafruits, passando per la selezione di Arancine “green” per Santa Lucia.

E ancora show cooking, degustazioni di panettoni, la Festa della Focaccia e dell’Avocado Toast, senza dimenticare la cena detox per depurarsi dagli eccessi delle feste.

Inoltre, durante tutto il periodo del “Good Food Fest” al costo di 3 euro una selezione di vini biologici della Cantina Bagliesi in calice.

Cuma

Via Giovan Battista Guccia 26 – 90141 Palermo

GALLERY PRIMA SERATA :

Accade a Palermo…

Accade a Palermo…

Geplaatst door Cuma op Woensdag 2 mei 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.